immagine

Attività svolta

Desidero ricevere una copia cartacea
Informativa sulla privacy
Iscrizione alla newsletter

Vacanza con il pet

Alcune insidie dell'estate

Anche una tranquilla vacanza estiva può nascondere qualche rischio e una semplice gita può trasformarsi in un evento molto spiacevole: vipere, rospi e piante tossiche si celano nella natura

Eccoci qui, è di nuovo estate, la stagione amata da tutti se non altro perché è sinonimo di vacanza. Quest’anno, però, con buona probabilità le cose andranno un po’ diversamente, perché la pandemia che ci ha colpito pesantemente nei mesi passati, e di cui se ne scorge ancora la coda, ha lasciato dietro di sé il timore di nuovi contagi, il dolore per le perdite subite e un evidente disagio economico che ha toccato alcuni e travolto altri. Per tutti questi motivi – presi singolarmente o sommati – non saranno molti coloro che perseguiranno il piano originale di vacanza, che magari prevedeva di lasciare il proprio animale a casa, mentre si può ipotizzare che aumenterà il numero dei proprietari che opteranno per una vacanza con il proprio cane, oppure ripiegheranno su una pausa estiva casalinga caratterizzata da gite fuori porta. 

Si deve anche considerare, però, che la tendenza a partire in compagnia del proprio pet si stava già consolidando in precedenza, come mostra un dato reso disponibile da Coldiretti, secondo il quale, nel 2019, 2 italiani su 5 sono partiti per le vacanze portandosi dieto il proprio animale. Questo nuovo approccio alla villeggiatura si è sviluppato anche grazie all’aumento dell’ospitlità pet-friendlymessa in atto dalle strutture turistiche ricettive distribuite lungo tutta la penisola. A sottolineare la crescita di questa tendenza [...]

[...] Il cane è un animale per sua natura curioso ed esploratore, in più, alcuni soggetti hanno la tendenza ad annusare e a mangiare tutto ciò che trovano qua e là lungo il percorso di gita. Quali possono essere i pericoli che si celano nella natura? [...]

TORNA INDIETRO