immagine

Attività svolta

Desidero ricevere una copia cartacea
Informativa sulla privacy
Iscrizione alla newsletter

Pesci ornamentali

L'acquario marino tropicale: spettacolare ma ricco di difficoltà da affrontare

Allestire un acquario marino richiede attrezzature con precise caratteristiche in base al tipo di vasca che viene allestita. Se il progetto iniziale cambia in corsa, perché per esempio viene deciso che non ci saranno solamente pesci ma anche invertebrati, cambieranno drasticamente le esigenze della vasca.

L’acquariofilia marina tropicale è decisamen te meno diffusa di quella d’acqua dolce, principalmente per due motivi principali: i costi e il tempo da dedicare al mantenimento di una vasca del genere.
Questi due parametri sono strettamente interconnessi. Allestire un acquario marino richiede attrezzature con precise caratteristiche in base al tipo di vasca che viene allestita: sarà destinata ad ospitare solo pesci oppure anche invertebrati?
E tra questi, saranno solo “coralli molli”, relativamente poco esigenti, oppure ci saranno anche “coralli duri”, notoriamente più complicati da allevare?
La differenza è sostanziale, condizionerà gli acquisti iniziali (scelta della fonte luminosa, della qualità del sale per ricostituire l’acqua, ecc.) e la qualità/quantità della manutenzione periodica da destinare alla vasca (quanti cambi d’acqua? Ogni quanto tempo? Quali test effettuare sull’acqua? Quali oligoelementi reintegrare e in che misura?).
Queste sono le problematiche da affrontare fin dall’inizio della progettazione di un acquario domestico. Se il progetto iniziale cambia in corsa, perché per esempio viene deciso che non ci saranno solamente pesci ma anche parecchi invertebrati, prima non previsti, cambieranno drasticamente le esigenze della vasca e le sue richieste in attenzioni e tempo dedicato.

TORNA INDIETRO