immagine

Attività svolta

Desidero ricevere una copia cartacea
Informativa sulla privacy
Iscrizione alla newsletter

Malattie trasmesse da vettori

Un problema non solo stagionale

Il controllo delle VBD nel cane e nel gatto deve essere parte integrante di una strategia per la gestione delle infezioni zoonosiche al fine di ridurre il rischio di circolazione di patogeni tra animali da compagnia ed esseri umani.

Le malattie trasmesse da vettori invertebrati (Vector-borne diseases – VBD) ai cani e ai gatti rappresentano un importante problema di medicina veterinaria nonché per la salute pubblica, in considerazione della stretta associazione tra uomini e animali. I patogeni, causa di VBD (e.g., virus, batteri, protozoi ed elminti) sono trasmessi attraverso il pasto di sangue di numerose specie di artropodi quali flebotomi, pidocchi, pulci, zanzare e zecche. Alcune VBDs sono letali per queste specie, anche in considerazione del lungo periodo di incubazione che rende difficile la loro diagnosi, in assenza di segni clinici patognomonici. Inoltre, cani e gatti possono fungere da serbatoi di agenti patogeni di interesse zoonosico. Negli ultimi decenni, la diffusione di queste VBD è stata imputata a una vasta gamma di fattori quali...

TORNA INDIETRO